Durata e mantenimento fito e zooplancton

Approfondiamo l'argomento su tutta la tecnica necessaria per un acquario marino di alto livello
Rispondi
dnrfdn
Centropyge
Centropyge
Messaggi: 423
Iscritto il: 04/12/2015, 22:59
Località: Torino

Durata e mantenimento fito e zooplancton

Messaggio da dnrfdn » 19/03/2016, 0:06

paperino68 ha scritto:
Davide_m ha scritto:Qui si esce dal topic,
Ma per fitopplancton e zoo si mantengono benissimo a temperatura ambiente, se tenuti con un minimo di movimento
siamo off topic è vero.. però non ho capito bene il concetto.. mettiamo che ho del fitoplancton,lo inserisco in un recipiente di plasticaX con una pompa... si mantiene? e quanto?
-identica cosa con lo zooplancton.. ma (il fito non so ma lo zoo..) se non erro lo stesso non dovrebbe aver bisogno del fitoplancton x la sua esistenza?
perdonami/temi se sto facendo confusione :oops:
Proseguo dall'argomento precedente, vorrei sapere i prodotti come:

1) Aminoacidi
2) Vitamine
3) Zoo-fito plancton freschi
4) Zoo-fito plancton in confezione es. Seachem

Per ognuna di queste categorie, quanto durano mediamente dopo l'apertura della confezione e come si devono conservare ?
Va bene il frigo ? Quanti mesi ?

mantu
Centropyge
Centropyge
Messaggi: 297
Iscritto il: 11/01/2016, 11:00

Re: Durata e mantenimento fito e zooplancton

Messaggio da mantu » 19/03/2016, 1:27

io ho esperienza diretta con fito fresco, dura circa un mese in frigo

Avatar utente
Danireef
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 14456
Iscritto il: 13/07/2011, 9:12
Località: Rimini
Contatta:

Re: Durata e mantenimento fito e zooplancton

Messaggio da Danireef » 19/03/2016, 11:01

Fitoplancton fresco circa un mese in frigorifero.
Zooplanton vivo: circa 3 giorni a temperatura ambiente.

Prodotti in bottiglia in genere 6 mesi in frigorifero, come i test, non in frigorifero

dnrfdn
Centropyge
Centropyge
Messaggi: 423
Iscritto il: 04/12/2015, 22:59
Località: Torino

Re: Durata e mantenimento fito e zooplancton

Messaggio da dnrfdn » 19/03/2016, 13:42

I test dei valori dell'acqua ? Pure quelli ? Io ho speso una fortuna per comprarmeli tutti !

Avatar utente
Davide_m
Zebrasoma
Zebrasoma
Messaggi: 2079
Iscritto il: 10/01/2015, 12:33
Località: Castano Primo (MI)
Contatta:

Re: Durata e mantenimento fito e zooplancton

Messaggio da Davide_m » 19/03/2016, 14:09

Ciao,
Io mi riferisco solo a prodotti freschi e vivi, per tutti gli altri rimando alle indicazioni di ogni singolo produttore.
Anche se si possono mantenere in frigorifero (4°C), preferisco mantenerlo in movimento con un aeratore ed una serie di valvole e tubetti che lo ossigenano e smuovono.
Questo poichè allevandolo e moltiplicando 6 specie di fitoplancton (Nannochloropsis oculata e N. gaditana; Chlorella sp.; Dunaliella tertiolecta; Tetraselmis suecica; Spirulina maxima) e 4 specie di zooplancton (Artemia sp.; Rotiferi, Copepodi e Daphnia magna) non potrei farlo in frigorifero poichè il metabolismo di questi organismi si bloccano a quella temperatura (come molti altri).

Per lo zooplancton, come dice Danireef, 3 giorni, equivale solo a stressare gli organismi (si può arrivare a 7-8 ma è comunque una cosa inutile)
Per il fitoplancton, si riduce l'attività e si aumenta al contempo il consumo delle "riserve" della già piccola cellula che quindi si "consuma" perdendo ulteriormente il suo valore nutrizionale/nutritivo. La "sedimentazione" che avviene anche velocemente (aumenta con la concentrazione delle cellule algali presenti nell'unità di volume - cellule a millilito) favorisce l'adesione delle une alle altre e quindi dimensioni maggiori alla somministrazione che potrebbero provocare una difficile predazione delle stesse se non un "intasamento" delle piccolissime strutture preposte alla sua cattura (si pensi ad una spugna).

Altra cosa che vorrei correggere nell'idea collettiva nell'uso del fitoplancton é che questo
"Serva a nutrire i coralli duri SPS o LPS".
L'azione del fitoplancton è molto lenta e gli si deve dare il tempo di poter "attivare" le popolazioni presenti in acquario che se ne possono nutrire (Spugne, spirografi o vermi tubicoli o simi, copepodi, rotiferi e organismi microscopici che risiedono nello strato superficiale di rocce e sabbia, ascidie singole o coloniali, e tantissimi altri phyla zoologici che neanche riconosciamo).
Tutti questi organismi hanno delle fasi larvali, che continuano a fare ciò che fanno in mare, predare ed essere predati da altri organismi di livello superiore o inferiore. Tra questi ci sono logicamente i coralli, le spugne, le gorgonie, i pesci e le balene!
Ultima modifica di Davide_m il 21/03/2016, 13:54, modificato 1 volta in totale.
Davide

Miei Articoli sul Magazine Danireef
Se vuoi chiedermi qualcosa a riguardo c'é l'apposita sezione

Avatar utente
Davide_m
Zebrasoma
Zebrasoma
Messaggi: 2079
Iscritto il: 10/01/2015, 12:33
Località: Castano Primo (MI)
Contatta:

Re: Durata e mantenimento fito e zooplancton

Messaggio da Davide_m » 19/03/2016, 14:10

scusate, ma io purtroppo non propongo "metodi all inclusive" poiché l'unico metodo di questo tipo è stato perfezionato in centinaia di milioni di anni di evoluzione.
Davide

Miei Articoli sul Magazine Danireef
Se vuoi chiedermi qualcosa a riguardo c'é l'apposita sezione

Avatar utente
Danireef
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 14456
Iscritto il: 13/07/2011, 9:12
Località: Rimini
Contatta:

Re: Durata e mantenimento fito e zooplancton

Messaggio da Danireef » 19/03/2016, 14:21

Sono perfettamente in accordo e sintonia con Davide.

Rispondi

Torna a “La tecnica acquariofila nell'acquario marino di barriera”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 6 ospiti