Massima automazione in acquario

Approfondiamo l'argomento su tutta la tecnica necessaria per un acquario marino di alto livello
dnrfdn
Centropyge
Centropyge
Messaggi: 414
Iscritto il: 04/12/2015, 22:59
Località: Torino

Re: Massima automazione in acquario

Messaggio da dnrfdn » 26/01/2016, 19:09

COMPUTER-DOMOTICA GESTIONE ACQUARIO:

IKS:
Mi sono messo finalmente a guardare nel dettaglio le varie apparecchiature confrontando tutte le marche tra di loro. Non avevo ancora notato che quelli della IKS si fossero letteralmente bruciati il cervello ! Sono completamente fuori di testa ma come si può proporre dei prezzi simili ? Uno spende tre, quattro, cinquemila euro per l'acquario e poi ne deve spendere altrettanti solo per i loro sistemi ? Ma che stiamo scherzando ? Vendono degli elettrodi a 500 euro ! Un elettrodo non è che un componente, l'ultima ruota del carro di un sistema complesso di monitoraggio automatizzato. Non dico che bisogni comprare una schifezza Cinese da 10 euro, ma santo cielo 500 euro per un elettrodo che dura solo due anni e poi deve essere ricomperato !!!

Aquatronica:
mi sembra un buon compromesso tra qualità e prezzo.

Seneye:
offre il livello base di controlli senza nessuna pretesa.

LOGISTICA PROGETTO:
Stavo pensando su dove mettere le apparecchiature di domotica, se le metto nell'armadietto sotto l'acquario vicino alla SUMP oppure le devo mettere su un muro o in un altro armadietto tipo quello elettrico apposito ?
Com'è la logistica del vostro progetto ?

SENSORI E/O MODULI DI BASE:
Quali sensori o moduli di base scegliereste per i vostri acquari ?
Io scelgo il ordine di importanza per il mio caso specifico:
1) pH
2) REDOX
3) Livello
4) Conduttività
5) Ossigeno
6) CO2
6) Nitrati o Ammoniaca

Avatar utente
Danireef
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 14403
Iscritto il: 13/07/2011, 9:12
Località: Rimini
Contatta:

Re: Massima automazione in acquario

Messaggio da Danireef » 26/01/2016, 22:47

dnrfdn ha scritto:COMPUTER-DOMOTICA GESTIONE ACQUARIO:

IKS:
Mi sono messo finalmente a guardare nel dettaglio le varie apparecchiature confrontando tutte le marche tra di loro. Non avevo ancora notato che quelli della IKS si fossero letteralmente bruciati il cervello ! Sono completamente fuori di testa ma come si può proporre dei prezzi simili ? Uno spende tre, quattro, cinquemila euro per l'acquario e poi ne deve spendere altrettanti solo per i loro sistemi ? Ma che stiamo scherzando ? Vendono degli elettrodi a 500 euro ! Un elettrodo non è che un componente, l'ultima ruota del carro di un sistema complesso di monitoraggio automatizzato. Non dico che bisogni comprare una schifezza Cinese da 10 euro, ma santo cielo 500 euro per un elettrodo che dura solo due anni e poi deve essere ricomperato !!!
semplicemente un sistema che non è aggiornato da dieci anni ed ha lo stesso prezzo di allora...
Aquatronica:
mi sembra un buon compromesso tra qualità e prezzo.
probabilmente il migliore oggi, ma non con il touch screen, monitor normale. La recensione su danireef è ancora tremendamente attuale
Seneye:
offre il livello base di controlli senza nessuna pretesa.
non è un controller in senso lato, ma permette solo di tenere sott'occhio qualche parametro, comodo perché ti monitora no3 ed ammoniaca, ed ha un sistema di alert via sms ed email
LOGISTICA PROGETTO:
Stavo pensando su dove mettere le apparecchiature di domotica, se le metto nell'armadietto sotto l'acquario vicino alla SUMP oppure le devo mettere su un muro o in un altro armadietto tipo quello elettrico apposito ?
Com'è la logistica del vostro progetto ?
ho un mobile a fianco all'acquario con tutta la parte elettronica
SENSORI E/O MODULI DI BASE:
Quali sensori o moduli di base scegliereste per i vostri acquari ?
Io scelgo il ordine di importanza per il mio caso specifico:
1) pH
utile solo per il reattore di calcio, imho, poco per l'acquario, ma nel caso ci metti due sensori
2) REDOX
mah...
3) Livello
per forza, che sia controllato o con un osmocontroller
4) Conduttività
non è precisa per problemi intrinseci... ergo inutile e fuorviante
5) Ossigeno
inutile
6) CO2
inutile
6) Nitrati o Ammoniaca
lo fa solo seneye

mantu
Centropyge
Centropyge
Messaggi: 297
Iscritto il: 11/01/2016, 11:00

Re: Massima automazione in acquario

Messaggio da mantu » 26/01/2016, 22:55

Dai un occhio anche a reefangel ;)


Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk

dnrfdn
Centropyge
Centropyge
Messaggi: 414
Iscritto il: 04/12/2015, 22:59
Località: Torino

Re: Massima automazione in acquario

Messaggio da dnrfdn » 27/01/2016, 15:46

I controlli di valori chimici che ho selezionato sono importanti per me al fine di cercare il più possibile di prevenire le alghe, se un'invasione incontrollata dovesse avvenire sarei in seri guai e non ho voglia di mettere dentro prodotti chimici.

Misuratori parametri acqua della Pinpoint tra cui il misuratore di Nitrati:
http://americanmarineusa.com/
Recensiti su uno dei siti americani più scientifici che io conosca, da un certo Randy Holmes-Farley su: http://www.reefkeeping.com

Le importanti decisioni che ho dovuto prendere riguardo a questa vasca molto costosa di cui sento il peso della responsabilità, sono state basate soprattutto sul fatto che ho dovuto garantire (pena la mia testa) che questo allestimento non darà eccessivo lavoro ne problemi tipo devastanti attacchi di alghe o cianobatteri; infine anche il fatto di non essere troppo invasivo nella casa di una persona che no ha dimestichezza con il mondo degli acquari e potrebbe rimanere intimorita se comincia a vedere da tutte le parti derivazioni di tubi per impianti di osmotizzazione, cavi, centraline ecc.
Ho quindi suggerito alla persona per cui sto realizzando il progetto, di fare acqua dolce perché temo che affrontare un Reef privo di alcuna esperienza in acquariofilia sia troppo impegnativo, inoltre a giudicare dai suoi gusti nel scegliere tra le varie immagini di realizzazioni proposte, pare anche che un acquario di tipo aquascape dolce non gli dispiacia affatto.

dnrfdn
Centropyge
Centropyge
Messaggi: 414
Iscritto il: 04/12/2015, 22:59
Località: Torino

Re: Massima automazione in acquario

Messaggio da dnrfdn » 27/01/2016, 15:48

mantu ha scritto:Dai un occhio anche a reefangel ;)

Grazie, che sito è ?

Avatar utente
Danireef
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 14403
Iscritto il: 13/07/2011, 9:12
Località: Rimini
Contatta:

Re: Massima automazione in acquario

Messaggio da Danireef » 27/01/2016, 15:57

dnrfdn ha scritto:I controlli di valori chimici che ho selezionato sono importanti per me al fine di cercare il più possibile di prevenire le alghe, se un'invasione incontrollata dovesse avvenire sarei in seri guai e non ho voglia di mettere dentro prodotti chimici.
le alghe che puoi evitare monitorando quei parametri, sono alghe con se l'acquario è gestito bene non ci sono. le alghe fastidiose vengono ugualmente, se hai particolarmente sfortuna come il sottoscritto
Misuratori parametri acqua della Pinpoint tra cui il misuratore di Nitrati:
http://americanmarineusa.com/
Recensiti su uno dei siti americani più scientifici che io conosca, da un certo Randy Holmes-Farley su: http://www.reefkeeping.com
non ne vedo l'utilità, visto il costo, e poi sicuro che siano per il controllo in continuo? cmq secondo me è totalmente inutile, allora prendo seneye, che alla fine costa meno, molto meno
Le importanti decisioni che ho dovuto prendere riguardo a questa vasca molto costosa di cui sento il peso della responsabilità, sono state basate soprattutto sul fatto che ho dovuto garantire (pena la mia testa) che questo allestimento non darà eccessivo lavoro ne problemi tipo devastanti attacchi di alghe o cianobatteri; infine anche il fatto di non essere troppo invasivo nella casa di una persona che no ha dimestichezza con il mondo degli acquari e potrebbe rimanere intimorita se comincia a vedere da tutte le parti derivazioni di tubi per impianti di osmotizzazione, cavi, centraline ecc.
non vedo cosa centrino con misuratori che, dati alla mano, non servono praticamente a nulla
Ho quindi suggerito alla persona per cui sto realizzando il progetto, di fare acqua dolce perché temo che affrontare un Reef privo di alcuna esperienza in acquariofilia sia troppo impegnativo, inoltre a giudicare dai suoi gusti nel scegliere tra le varie immagini di realizzazioni proposte, pare anche che un acquario di tipo aquascape dolce non gli dispiacia affatto.
Per me il marino è addirittura più semplice e con molto meno lavoro del dolce, dove devi mettere le mani in vasca spesso e di continuo per tagliare le piante. Poi sono gusti. Io nel caso del tuo amico farei un acquario con soli pesci e qualche enorme corallo molle.

mantu
Centropyge
Centropyge
Messaggi: 297
Iscritto il: 11/01/2016, 11:00

Re: Massima automazione in acquario

Messaggio da mantu » 27/01/2016, 16:24

dnrfdn ha scritto:
mantu ha scritto:Dai un occhio anche a reefangel ;)

Grazie, che sito è ?
Reefangel.com


Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk

dnrfdn
Centropyge
Centropyge
Messaggi: 414
Iscritto il: 04/12/2015, 22:59
Località: Torino

Re: Massima automazione in acquario

Messaggio da dnrfdn » 27/01/2016, 16:49

Ringrazio ancora tutti per i vostri consigli e la vostra disponibilità, farò tesoro di ogni vostro suggerimento.

Avatar utente
Davide_m
Zebrasoma
Zebrasoma
Messaggi: 2060
Iscritto il: 10/01/2015, 12:33
Località: Castano Primo (MI)
Contatta:

Re: Massima automazione in acquario

Messaggio da Davide_m » 28/01/2016, 13:59

dnrfdn ha scritto:I controlli di valori chimici che ho selezionato sono importanti per me al fine di cercare il più possibile di prevenire le alghe, se un'invasione incontrollata dovesse avvenire sarei in seri guai
Il ciclo normale all'avvio sarà sempre presente e perdurerà il tempo necessario...
dnrfdn ha scritto:Misuratori parametri acqua della Pinpoint tra cui il misuratore di Nitrati:
http://americanmarineusa.com/
Recensiti su uno dei siti americani più scientifici che io conosca, da un certo Randy Holmes-Farley su: http://www.reefkeeping.com
Prova ad importarli e vedrai i costi totali...
Le importanti decisioni che ho dovuto prendere riguardo a questa vasca molto costosa di cui sento il peso della responsabilità, sono state basate soprattutto sul fatto che ho dovuto garantire (pena la mia testa) che questo allestimento non darà eccessivo lavoro ne problemi tipo devastanti attacchi di alghe o cianobatteri;
L'automazione non può prevenire nulla, può aiutare a valutare, ma non può fare da boccia di cristallo... se il valore misurato, è sempre istantaneo, e volendo vedere non darà mai la tendenza futura, ma solo quella passata..
dnrfdn ha scritto:Ho quindi suggerito alla persona per cui sto realizzando il progetto, di fare acqua dolce perché temo che affrontare un Reef privo di alcuna esperienza in acquariofilia sia troppo impegnativo, inoltre a giudicare dai suoi gusti nel scegliere tra le varie immagini di realizzazioni proposte, pare anche che un acquario di tipo aquascape dolce non gli dispiacia affatto.
Non che l'acqua dolce sia privo di problemi... e di alghe!
Per il momento questa persona, eviterà di parlare male degli acquari marini, ma solo di quelli di acqua dolce.
P.S. ma perchè questo ipotetico cliente non si affida ad un negozio specializzato?
Davide

Miei Articoli sul Magazine Danireef
Se vuoi chiedermi qualcosa a riguardo c'é l'apposita sezione

dnrfdn
Centropyge
Centropyge
Messaggi: 414
Iscritto il: 04/12/2015, 22:59
Località: Torino

Re: Massima automazione in acquario

Messaggio da dnrfdn » 28/01/2016, 18:29

Davide_m ha scritto: Non che l'acqua dolce sia privo di problemi... e di alghe!
Per il momento questa persona, eviterà di parlare male degli acquari marini, ma solo di quelli di acqua dolce.
P.S. ma perchè questo ipotetico cliente non si affida ad un negozio specializzato?
Ti spiego, devi un po' metterti nei miei panni, offro un servizio che mi viene remunerato e di cui mi assumo la responsabilità fattuale e morale, ma ha un valore aggiunto rispetto al negozio ovvero che io faccio i lavori come se li facessi per me stesso, il negozio di solito fa le cose in modo da aver meno problemi possibile quindi non sono disposti a osare provando cose innovative. In effetti vedo la realizzazione di questo acquario un po' come se fosse la mia creatura, l'acquario che avrei sempre desiderato ma che purtroppo non posso permettermi. Quindi ne curo ogni singolo dettaglio e ho la possibilità di sperimentare un po' di "ferraglia" costosa. Vi inserirò per esempio l'unico modello di schiumatoio esistente per l'acqua dolce. Non lo faccio solo per sperimentare usando i soldi di un'altra persona ma lo faccio perché credo che il mio sia un buon progetto. Ciononostante non posso nemmeno dire alla persona per cui lo realizzo che a fronte di tali spese tutto potrebbe andare di schifo e l'acquario potrebbe diventare nella peggiore delle ipotesi come uno scarico della fogna. Io ho una decina di acquari, e su due in particolare ho avuto questa spiacevolissima "deriva" incontrollabile di alghe che oltre ad aver ucciso molte piante rare, per me molto preziose, hanno di fatto reso esteticamente la mia vasca un cesso !
Devo quindi mettere le mani avanti e premurarmi nei limiti del possibile con l'esperienza accumulata che queste cose NON avvengano.
Se dovessi avere successo sarebbe per me un buon biglietto da visita per future realizzazioni magari si spera ancora più impegnative.

Rispondi

Torna a “La tecnica acquariofila nell'acquario marino di barriera”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti