Per tutti i marinai di acqua dolce

Sezione dedicata a chi deve costruire il proprio primo acquario e non ha esperienza
Avatar utente
Ftarr
Centropyge
Centropyge
Messaggi: 105
Iscritto il: 15/10/2019, 20:12

Per tutti i marinai di acqua dolce

Messaggio da Ftarr » 27/10/2019, 11:00

Mi sto rendendo conto che la migrazione da dolce a salato è molto delicata.. nel dolce la sensibilità è diversa come la tecnica
Vorrei provare con l’aiuto dei marinai esperti a provare ad aiutare i miei colleghi a capire bene che fare... non ci sono guide vere e proprie perché o sono troppo superficiali o troppo spinte... ed il dolcista che parte pensa “è sempre acqua gestisco vasche da 1000 anni”

Provo a fare quindi un po’ di “ordine” comparando dolce e salato chiedendo aiuto a chi davvero ne sa di Marino laddove dico cose non corrette
Il mio obiettivo è aiutare altri “me” a capire dove gli errori sono troppo grossi... mi è venuto in mente perché ieri ho scoperto che la “stupidaggine” per eccellenza per un dolcista... ma su questo ci arriverò :)
Il modello è definire un argomento e dire le differenze tra dolce e salato:

1. Preparare acqua:
- dolce: pensi alla durezza, tagli con osmotica
- Marino: si parte da osmotica pura, i sali sono di diversi tipi a seconda di cosa fai

2. Ciclo dell’azoto
- dolce si ferma ai nitrati
- Marino chiude sulla emissione dell’azoto gassoso

3. Filtro:
- dolce cannolicchi e spugne .. un acquario in equilibrio non ha bisogno di altro
- Marino: dovendo chiudere il ciclo dell’azoto è tutto diverso si butta via tutto e si seguono i metodi Marini: berlinese e/o dsb... l’acquario stesso diventa il filtro... l’arredamento non è solo estetico

4. Flora e fauna:
- dolce: la preponderanza di piante ... solo pesci (e crostacei) fanno la fauna
- un equilibrio e simbiosi importante... dagli organismi unicellulari fino agli animali che alleviamo

5. Luce:
- dolce: quando sono scariche le cambio... standard
- Marino: la Luce attiva tutti i processi biochimici per cui tutto quello che hai imparato sul dolce non serve a nulla.. è l’investimento più importante

6. Acquario aperto o chiuso:
- dolce: è un tema di gusto
- Marino: dove caspita metti la tecnica che ti serve se lo fai chiuso? (Sto impazzendo per trovare lo spazio giusto per lo skimmer)

7. Difficoltà di allevamento:
- dolce in ordine crescente: guppy, anabantidi, scalari, discus
- Marino: molli, crostacei e molluschi, pesci, lbs , sps

8. Chimica dell’acqua:
- dolce: nitriti male, nitrati sotto 30, occhio al kh che tende a precipitare e poi a seconda degli ospiti ragioni sul GH
- Marino: devi avere il controllo perché i tuoi ospiti sono molto più sensibili:
- nitrati sotto i 10, fosfati sotto 0,5, kh 8-9, salinità sempre fissa
- serve regolare giornalmente la evaporazione
- devi stare attento ai consumi dei carbonati da parte dei tuoi ospiti

L’errore grave che ho fatto è stato quello di riciclare delle rocce di tufo da un acquario dolce ... nel dolce arrivi a fosfati fino a 10-15 mg/L senza effetti (le alghe hanno bisogno di nitrati e fosfati assieme.. se la vasca ha pochi nitrati per il principio del minimo le alghe non esplodono)

Ieri ho misurato per la prima volta i fosfati nel Marino dopo due mesi di maturazione ed i test per Marino vanno fuori scala... avrò almeno 3-4 mg/L ... ho tolto le rocce incriminate, ho messo CaribSea nuove e sto trattando con rowa e cambi acqua ma ci vorranno mesi per rimetterlo a posto
Effetto? I processi biochimici di calcificazione sono bloccati... la vasca è a serio rischio non solo gli animali (pochi per fortuna) che ho

Altri temi che volete aggiungere?



Inviato dal mio iPad utilizzando Tapatalk

mauro.ragno
Zebrasoma
Zebrasoma
Messaggi: 2277
Iscritto il: 06/04/2016, 23:18

Re: Per tutti i marinai di acqua dolce

Messaggio da mauro.ragno » 27/10/2019, 12:36

Complimenti per la lettura.

Come vedi quello che ti abbiamo anticipato ti ha aperto un mondo.
L' aver avuto per anni acquari d' acqua dolce ti dona la sensibilità di comprendere in fretta le dinamiche di questo hobby, sebbene i due rami siano profondamente differenti.


Inviato dal mio Redmi Note 4 utilizzando Tapatalk


Avatar utente
Davide_m
Zebrasoma
Zebrasoma
Messaggi: 2111
Iscritto il: 10/01/2015, 12:33
Località: Castano Primo (MI)
Contatta:

Re: Per tutti i marinai di acqua dolce

Messaggio da Davide_m » 27/10/2019, 13:22

Ftarr ha scritto:
27/10/2019, 11:00

1. Preparare acqua:
- dolce: pensi alla durezza, tagli con osmotica
- Marino: si parte da osmotica pura, i sali sono di diversi tipi a seconda di cosa fai, si ma poi servono sempre e comunque dei buoni sali sintetici, anche solo per non avere problemi di pH o altri valori fondamentali (es. vasca soli pesci)

2. Ciclo dell’azoto
- dolce si ferma ai nitrati
- Marino chiude sulla emissione dell’azoto gassoso, ni, lo schiumatoio elimina il problema a monte del ciclo, benchè sia comunque presente non lo si vuole favorire, ma osteggiare. Nelle rocce vive e nel DSB succede quanto da te detto.

3. Filtro:
- dolce cannolicchi e spugne .. un acquario in equilibrio non ha bisogno di altro
- Marino: dovendo chiudere il ciclo dell’azoto è tutto diverso si butta via tutto e si seguono i metodi Marini: berlinese e/o dsb... l’acquario stesso diventa il filtro... l’arredamento non è solo estetico, Certo è molto funzionale e tutta la vasca è un immenso filtro da curare in ogni minimo aspetto

4. Flora e fauna:
- dolce: la preponderanza di piante ... solo pesci (e crostacei) fanno la fauna
- un equilibrio e simbiosi importante... dagli organismi unicellulari fino agli animali che alleviamo. un acquario marino è un piccolo scorcio, e necessita di tutto ciò che vi possiamo introdurre in termini di differenti ordini di animali.

5. Luce:
- dolce: quando sono scariche le cambio... standard
- Marino: la Luce attiva tutti i processi biochimici per cui tutto quello che hai imparato sul dolce non serve a nulla.. è l’investimento più importante
Permette al tutto di vivere, moltissimi organismi sono legati a questo fattore, tutti tli organismi hanno zooxanthaelle che sono da "allevare" a loro volta.

6. Acquario aperto o chiuso:
- dolce: è un tema di gusto
- Marino: dove caspita metti la tecnica che ti serve se lo fai chiuso? (Sto impazzendo per trovare lo spazio giusto per lo skimmer)
Questo non lo vedo un grosso problema, la vasca tecnica in marino è quasi fondamentale, e potrebbe essere utile nel dolce, ma nessuno la considera - Purtroppo non esistono acquari chiusi con la sufficiente dotazionie di "luce" per poter fare un "marino" degno di nota

7. Difficoltà di allevamento:
- dolce in ordine crescente: guppy, anabantidi, scalari, discus
- Marino: molli, crostacei e molluschi, pesci, lps , sps
corstacei e molluschi, pesci, c. molli, anemoni, LPS, SPS - ma ci sono anche molti altri orgsnismi: spugne, spirografi (vermi), echinodermi, ascidie, alghe, etc.
8. Chimica dell’acqua:
- dolce: nitriti male, nitrati sotto 30, occhio al kh che tende a precipitare e poi a seconda degli ospiti ragioni sul GH
- Marino: devi avere il controllo perché i tuoi ospiti sono molto più sensibili:
- nitrati sotto i 10(<5mg/L), fosfati sotto 0,5 (<0,2 mg/L), kh 8-9, salinità sempre fissa (34/36 P.S.U.)
- serve regolare giornalmente la evaporazione
- devi stare attento ai consumi dei carbonati da parte dei tuoi ospiti

Ieri ho misurato per la prima volta i fosfati nel Marino dopo due mesi di maturazione ed i test per Marino vanno fuori scala... avrò almeno 3-4 mg/L ... ho tolto le rocce incriminate, ho messo CaribSea nuove e sto trattando con rowa e cambi acqua ma ci vorranno mesi per rimetterlo a posto
Effetto? I processi biochimici di calcificazione sono bloccati... la vasca è a serio rischio non solo gli animali (pochi per fortuna) che ho

Altri temi che volete aggiungere?
Davide

Miei Articoli sul Magazine Danireef
Se vuoi chiedermi qualcosa a riguardo c'é l'apposita sezione

Avatar utente
Ftarr
Centropyge
Centropyge
Messaggi: 105
Iscritto il: 15/10/2019, 20:12

Re: Per tutti i marinai di acqua dolce

Messaggio da Ftarr » 27/10/2019, 15:16

Il punto che più mi affascina è quello dell’acquario aperto

Non nascondo che pensavo fosse più un tema snobistico ... nel dolce gli acquari aperti sono più fichi... la maggior complessità di gestione... i pesci che volano fuori e schiattano (ho perso 4 discus così in 3 volte diverse.. una volta due insieme... e da allora decisi di fare solo acquari chiusi)

La sump può risolvere il tema dello spazio e areazione ... le ventole possono permettere di gestire anche illuminazioni potenti .. ma non esistono soluzioni serie di illuminazione per acquari chiusi .. perché ? È legato al fatto che il marinaio esperto ama ottimizzare e customizzare per cui non c’è mercato per le soluzioni integrate?

È divertente customizzare :) sto progettando un buco del coperchio per mettere un tunze 9001 :P



Inviato dal mio iPad utilizzando Tapatalk

Avatar utente
Danireef
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 14675
Iscritto il: 13/07/2011, 9:12
Località: Rimini
Contatta:

Re: Per tutti i marinai di acqua dolce

Messaggio da Danireef » 28/10/2019, 17:36

Per i fosfati basta cambiare il 90% dell'acqua... complimenti per la comparazione :)

Avatar utente
Ftarr
Centropyge
Centropyge
Messaggi: 105
Iscritto il: 15/10/2019, 20:12

Re: Per tutti i marinai di acqua dolce

Messaggio da Ftarr » 28/10/2019, 22:57

Danireef ha scritto:Per i fosfati basta cambiare il 90% dell'acqua... complimenti per la comparazione :)
Grazie :)

sui fosfati ... oggi sono riuscito a misurarli ... 2mg/L
Ho cambiato il 15% ieri (avevo finito il sale...) e messo la rowa...
Vediamo sabato dove sarò quando farò il prox cambio acqua

Ho letto che le rocce comunque accumulano e poi rilasciano facendo tampone... le vive le ho lasciate per cui mi aspetto un po’ di fatica ad arrivare a 0,1

Stanno aumentando le alghe anche sul vetro... è come se stessi facendo una maturazione accelerata


Inviato dal mio iPad utilizzando Tapatalk


Avatar utente
Ftarr
Centropyge
Centropyge
Messaggi: 105
Iscritto il: 15/10/2019, 20:12

Re: Per tutti i marinai di acqua dolce

Messaggio da Ftarr » 30/10/2019, 22:43

Belli gli articoli :)
Ho qualche problema logistico... non sono attrezzato per fare così tanta acqua salata.. mi devo organizzare un po’ :)
Al primo giro la avevo fatta in 3 giorni


Inviato dal mio iPad utilizzando Tapatalk

Avatar utente
Ftarr
Centropyge
Centropyge
Messaggi: 105
Iscritto il: 15/10/2019, 20:12

Re: Per tutti i marinai di acqua dolce

Messaggio da Ftarr » 01/11/2019, 1:16

Grande risultato !

I fosfati grazie alla rowa sono scesi a 0,6
Domani cambio acqua 50% e dovrei avere praticamente risolto

Comunque mettere la rowa in una calza è inutile come dice Danireef.. ho dovuto inventarmi un filtro alla buona infilando una pompa nella calza per avere finalmente degli effetti evidenti



Inviato dal mio iPad utilizzando Tapatalk

Avatar utente
Danireef
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 14675
Iscritto il: 13/07/2011, 9:12
Località: Rimini
Contatta:

Re: Per tutti i marinai di acqua dolce

Messaggio da Danireef » 05/11/2019, 20:39

Si bhè non lo dico io :) io al massimo diffondo l'informazione corretta

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti