Utilizzo del lievito in acquario

Rispondi
Avatar utente
Danireef
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 10484
Iscritto il: 13/07/2011, 9:12
Località: Rimini
Contatta:

Utilizzo del lievito in acquario

Messaggio da Danireef » 26/03/2013, 11:31

Ciao Roberto, cosa ne pensi dell'utilizzo del lievito in acquario? Tu hai esperienze dirette? Lo consiglieresti?
Io onestamente non lo utilizzerei in quanto lo ritengo non necessario, visto che in mare non c'è, e non ne comprendo l'utilizzo.
Puoi spiegarci il tuo punto di vista per favore?

Grazie

Danilo

Roberto Ferri
Chrysiptera
Chrysiptera
Messaggi: 25
Iscritto il: 08/02/2013, 19:38

Re: Utilizzo del lievito in acquario

Messaggio da Roberto Ferri » 26/03/2013, 23:32

Buongiorno, il lievito è una sostanza ricca di proteine, senza vitamine e minerali per cui dal punto di vista nutrizionale non rappresenta un grande alimento; è ottenuto grazie a processi industriali attraverso i quali purtroppo alcune sostanze vengono perse inevitabilmente.
Comunque sia; il saccharomyces cerivisiae, (lievito di birra) veniva utilizzato dai pionieri dell' acquariologia per allevare organismi vivi destinati ad alimentare il sistema acquario. Già a quei tempi ci accorgemmo che la proliferazione batterica e la carenza di ossigeno, all'interno delle vasche di allevamento, utilizzando il lievito, mettevano a dura prova la resistenza di rotiferi copepodi ecc.inquinando velocemente la coltura. Io personalmente condussi delle prove arricchendo organismi vivi per 24 ore per poi utilizzarli per lo svezzamento di specie marine. I risultati furono a dir poco deludenti, i rotiferi e copepodi rappresentavano, dal punto di vista nutrizionale, delle scatole vuote che non servivano alle mie larve che deperivano, oltre che divenire dei veri e propi giganti non divorabili dalle minuscole larve.
In acquario dosando questo alimento incentiviamo una produzione batterica abnorme con una probabile conseguente riduzione di ossigeno
( anossia). Queste colonie batteriche sono in grado di rendere l'acqua torbida, ed allo stesso tempo fornire una base di alimento all'intero sistema coralli compresi, alimento indiretto, cmq non completo. Per cui attenzione alle dosi per evitare ridondanze non controllabili ed effetti negativi.
Se qualche acquariofilo volesse provarlo, il mio consiglio è quello di scioglierlo in acqua marina in un bicchiere, e dosare un paio di gocce tre volte alla settimana, all'interno del reattore di plancton dove sono presenti copepodi/rotiferi/ciliati.
Il fatto che i coralli abbiano, in alcuni casi dopo il dosaggio, una maggior estroflessione dei polipi non significa che in quel momento si nutrano; possiamo dire che reagiscano ad un alterazione chimica presente in acqua.
Posso arrivare a presupporre che un polipo estroflesso abbia maggior possibilità d i catturare la preda, ma non ho prove per esser certo.

cordiali saluti

R Ferri

Avatar utente
Danireef
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 10484
Iscritto il: 13/07/2011, 9:12
Località: Rimini
Contatta:

Re: Utilizzo del lievito in acquario

Messaggio da Danireef » 01/04/2013, 12:25

Quindi, dal tuo punto di vista, non ne sconsigli del tutto l'uso, ma solo ed esclusivamente un uso attento e magari in associazione ad un reattore di fito-zooplancton.
Giusto?

Danilo

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite