Fitoplancton e nutrienti, quale correlazione?

Rispondi
Avatar utente
Danireef
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 9819
Iscritto il: 13/07/2011, 9:12
Località: Rimini
Contatta:

Fitoplancton e nutrienti, quale correlazione?

Messaggio da Danireef » 09/02/2013, 10:31

Ciao Roberto, mi piacerebbe molto che spiegassi la correlazione fra fitoplancton e nutrienti in un moderno acquario di barriera.
Il fitoplancton ha una conseguenza sui nutrienti, nitrati e fosfati, presenti in vasca?
E' una correlazione diretta? Riscontrabile?
Oppure si potrebbe riscontrare qualcosa solo con dosaggi massicci di fitoplancton non compatibili con un acquario ornamentale? Ovvero si potrebbe vedere tutto verde?

Mi piacerebbe molto conoscere il tuo punto di vista.

Danilo

Roberto Ferri
Chrysiptera
Chrysiptera
Messaggi: 25
Iscritto il: 08/02/2013, 19:38

Re: Fitoplancton e nutrienti, quale correlazione?

Messaggio da Roberto Ferri » 09/02/2013, 15:32

Grazie, una domanda interessante che ci consente di sfatare le notizie che oggi circolano tra gli appassionati nella somministrazione del fitoplancton in un acquario marino di coralli.

Non esiste nessuna correlazione tra il dosaggio del fitoplancton ed eventuali vantaggi, apprezzabili, nella riduzione delle sostanze inorganiche in acquario. La notizia comunque non è infondata, nelle vasche di allevamento dei pesci, all'interno delle avannotterie, si utilizza il metodo green-water, (acqua verde).
Grazie alla introduzione di una notevole quantità (15% della capacità netta della vasca) di microalghe, si ottiene una riduzione di alcuni valori importanti: NO3-PO4,e la stabilizzazione del PH, in questo modo le sostanze inorganiche non inibiscono la crescita larvale.
Questo ci fa capire che in salotto non potremmo mai tollerare, ed anche i coralli non lo potrebbero, un'acquario completamente verde, (esperienze con filtratori a parte), per eliminare le sostanze sopra citate.
Il vantaggio nell'utilizzo del fitoplancton in un acquario marino riveste importanti ruoli; non la riduzione dei NO3-PO4.
Certo di vantaggioso abbiamo che questa alimentazione non incrementa i suddetti valori dannosi, per cui seguitando nella politica di "pulizia chimica e meccanica" in acquario, arriveremo a ridurli, in parole molto semplici.

R Ferri

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite